Lezioni Gratuite

19 Dicembre 2021

Il GDPR e la protezione dei dati personali – Di Pentima (prima lezione gratuita)

Il corso “Il GDPR e la protezione dei dati personali” è un corso testuale di introduzione alle normative europee e italiane in materia di privacy, argomento considerato di particolare importanza dall’Unione Europea.

Con il termine privacy ci riferiamo comunemente all’idea di risrevatezza e protezione dei dati personali delle persone. La protezione dei dati personali è disciplinata, nel nostro Paese, dal Codice della Privacy e dal Regolamento Europeo UE/2016/679 (GDPR, General Data Protection Regulation).

Conoscere e approfondire la materia è necessario per tutti i professionisti che intervengono nei procedimenti di mediazione e conciliazione (Conciliatori, Mediatori, Avvocati, consulenti), procedimenti come sappiamo coperti, per legge, da riservatezza interna ed esterna e da segretezza.

VEDI LA PRIMA LEZIONE GRATUITA DEL CORSO!
⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓

1. Introduzione

 

La Carta dei diritti fondamentali dell’UE stabilisce che i cittadini dell’UE hanno diritto alla protezione dei propri dati personali. Con l’introduzione di misure di protezione dei dati si realizza l’obiettivo di adeguare l’Europa all’era digitale. Dal 25 maggio 2018 è divenuto pienamente applicabile in tutti gli Stati membri il Regolamento (UE) 2016/679, noto come GDPR, ossia l’acronimo di “General Data Protection Regulation”. Si tratta di un Regolamento che disciplina la protezione delle persone fisiche, con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali.

 

Le esigenze alla base della nascita del GDPR, come indicato dalla stessa Commissione UE, sono quelle di certezza giuridica, armonizzazione e maggiore semplicità delle norme riguardanti il trasferimento di dati personali dall’Unione Europea verso tutte le altre parti del mondo.

 

Le sfide emerse dagli sviluppi tecnologici e dai nuovi modelli di crescita economica, tenendo conto delle esigenze di tutela dei dati personali sempre più avvertite dai cittadini UE, hanno reso necessaria una risposta urgente: il Regolamento rappresenta un passo essenziale per rafforzare i diritti fondamentali dei singoli nell’era digitale e per agevolare le attività economiche realizzando regole chiare cui le imprese possano attenersi nel mercato unico digitale. L’introduzione di un unico atto legislativo è utile per porre fine all’attuale frammentazione nei vari sistemi nazionali e diminuire gli oneri amministrativi superflui.

 

A preoccupare sono, però, gli spazi di autonomia che permangono in capo ai singoli Stati Membri nel disciplinare in maniera più specifica rispetto al GDPR alcuni aspetti non ricompresi nella competenza dell’UE in base al principio di attribuzione. Tale circostanza potrebbe far sorgere contrasti tra le diverse Autorità di controllo nazionali che si trovino a disciplinare nello specifico e applicare in concreto a livello nazionale le disposizioni del GDPR.

 

2. L’accountability

 

Con il GDPR si esprime il concetto di responsabilizzazione o accountability del titolare del trattamento dei dati, ovvero l’obbligo di adottare comportamenti proattivi e tali da dimostrare la concreta adozione di misure finalizzate ad assicurare l’applicazione del regolamento del GDPR e un approccio che tenga in maggior considerazione i rischi che un determinato trattamento di dati personali può comportare per i diritti e le libertà degli interessati, tenendo conto dei rischi noti ed evidenziabili, nonché delle misure tecniche e organizzative ritenute adeguate dai titolari per mitigare tali rischi, prevedendo inoltre più elevati importi per le sanzioni amministrative pecuniarie che variano nel massimo a seconda delle disposizioni violate.

 

Il titolare del trattamento deve comunicare eventuali violazioni dei dati personali al Garante che comportano impatti sui diritti e le libertà degli interessati.

 

Si introduce il concetto di “privacy by design”, nonché di approccio basato sul rischio e adeguatezza delle misure di sicurezza, di valutazione d’impatto e data breach e si inseriscono regole più rigorose per la selezione e la nomina di un responsabile del trattamento e di eventuali sub-responsabili. Vengono previsti alcuni casi tassativi di nomina obbligatoria di un Responsabile della protezione dei dati, nonché regole più chiare su informativa e consenso. Si amplia la categoria dei diritti che spettano all’interessato con criteri rigorosi per il trasferimento degli stessi al di fuori dell’UE.

 

Le norme si applicano a tutte le imprese, dunque anche a quelle situate fuori dall’Unione Europea che però offrono servizi o prodotti all’interno del mercato UE. Da ciò deriva maggiore responsabilità per le imprese stesse e la conseguente previsione di pesanti sanzioni, in caso di inosservanza delle suddette.

 

L’Italia si è adeguata alla normativa europea tramite il D.Lgs. 10 agosto 2018, n. 101, entrato in vigore il 19 settembre 2018, che ha introdotto disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale italiana (D.Lgs. 196/2003) alle disposizioni del GDPR. Oltre a recepire le disposizioni del GDPR, il D.Lgs. 101/2018 ha regolamentato alcuni aspetti rimessi alla potestà legislativa nazionale tra cui la previsione di alcune fattispecie di illeciti penali, accanto alle sanzioni pecuniarie già previste dal GDPR.

 

Lo “sportello unico” (one stop shop), introdotto dalla nuova normativa, consente la gestione dei trattamenti, garantendo un approccio uniforme. Le imprese che operano in più Stati UE possono quindi rivolgersi al Garante Privacy del Paese dove hanno la loro sede principale.

 

In realtà, almeno in Italia, molte aziende, nonostante la previsione di severe sanzioni, non si sono ancora pienamente allineate ai nuovi provvedimenti dell’Unione Europea in materia di protezione dei dati.

 

In tal senso potrebbe risultare utile il Piano nazionale industria 4.0 (ora Transizione 4.0) che permette di investire in relazione all’adeguamento al GDPR. Il Garante ha dato precise indicazioni alle PA, innanzitutto individuando le tre priorità operative, ossia:

  • la designazione del Responsabile della protezione dei dati;
  • l’istituzione del Registro delle attività di trattamento;
  • la notifica dei data breach.


(fine della lezione gratuita)

 

 

SE VUOI PROSEGUIRE, PUOI ISCRIVERTI AL CORSO COMPLETO DI 4 ORE E MEZZA


Lezioni interamente fruibili online

IN OFFERTA A € 26,90 (IVA INCLUSA) INVECE DI € 38,90*.

Pulsante_info_sul_corso

25 November 2022

 
 
 
Il GDPR e la protezione dei dati personali – Di Pentima (prima lezione gratuita)

    Ultimi articoli

    Corsi Avvocati e Consulenti 30 Novembre 2022

    Corso per conciliatori AGCOM (14h) – Alfonso Umberto Calabrese

    Il corso per conciliatori AGCOM, interamente fruibile in streaming, abilita i Mediatori civili alla gestione dei procedimenti di conciliazione obbligatoria in materia di telefonia, internet e pay-tv presso gli Organismi di conciliazione accreditati dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni AGCOM.

    Corsi Avvocati e Consulenti 30 Novembre 2022

    Corso per conciliatori ARERA (16h) – Alfonso Umberto Calabrese

    Il corso Conciliatori ARERA, interamente fruibile in streaming, abilita i Mediatori civili alla gestione dei procedimenti di conciliazione obbligatoria in materia di energia (elettricità e gas) e volontaria relativi al sistema idrico, presso gli Organismi di conciliazione accreditati dall’Autorità di Regolazione per l’Energia, Reti e Ambiente (ARERA).

    Corsi Avvocati e Consulenti 30 Novembre 2022

    Corso sul diritto del consumo per Conciliatori ARERA-AGCOM (5h) – Pasquale Lattari

    Il corso sul diritto del consumo per Conciliatori ARERA e AGCOM, interamente fruibile in streaming, fornisce ai conciliatori delle controversie nelle materie di competenza delle Autorità presso gli Organismi di conciliazione tutte le competenze relative al diritto del consumo italiano ed europeo, rendendo solida la preparazione in materia.

    Lezioni Gratuite 30 Novembre 2022

    Diritto del consumo per Conciliatori ARERA-AGCOM (5h) – Lattari (prima lezione gratuita)

    Il corso sul diritto del consumo per conciliatori ARERA e AGCOM, interamente fruibile in streaming, fornisce ai conciliatori delle controversie nelle materie di competenza delle Autorità presso gli Organismi di conciliazione tutte le competenze relative al diritto del consumo italiano ed europeo, rendendo solida la preparazione in materia.

    torna all'inizio del contenuto
    Translate »

    On this website we use first or third-party tools that store small files (<i>cookie</i>) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (<i>technical cookies</i>), to generate navigation usage reports (<i>statistics cookies</i>) and to suitable advertise our services/products (<i>profiling cookies</i>). We can directly use technical cookies, but <u>you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies</u>. <b>Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience</b>.